martedì 6 agosto 2013

Nuovo incontro tra B e P

P e B. ( ops! Chiedo scusa!) B e P.
 (Tuttavia, non è che cambiando gli addendi cambi il prodotto!)

Sento, da non so quale TG, che il signor P è in procinto di venire in Italia per andare a confortare il signor B. Tempo fa assistetti, durante un TG, ad un incontro tra i due che, in quel momento, erano a capo dei rispettivi governi. Era il tempo dell’ importazione della libertà, quella prodotta nel paese del signor P, da parte della popolazione della Cecenia. A qualcuno dei Ceceni questo prodotto non piaceva, per cui l’esercito del signor P tentava di convincere i Ceceni, con le classiche armi gentili di un esercito, ad accettare questa meraviglia. Al resto del mondo questi convincimenti non garbavano troppo. Il signor B, famoso già allora, per il proprio livello di grande statista, disse ai microfoni di un TG che se un domani in cui a qualcuno fosse venuto in mente di accusare il signor P di genocidio, lui, anzi, Lui lo avrebbe difeso gratuitamente! Ora, giustamente, il signor P si appresta a rendere visita al signor B, per portargli i complimenti di quel popolo che  lo ha nuovamente e liberamente  scelto perché solo così pare si senta  ben rappresentato.
I signori G e V, di collodiana memoria, riuscivano tranquillamente ad imbrogliare un povero burattino di legno.

Figurarsi se, i signori B e P, non riescono a far credere a tutti noi di essere sempre ingiustamente giudicati. Non ci illudiamo: non c’è Paese al mondo nel non glorifichi i propri B e P. A noi non resta che tentare, disperatamente tentare, di non dimenticare e già che ci siamo, non ci resta che tentare di capire. Con i migliori auguri!