giovedì 20 giugno 2013

Teste ed intelligenze. Una preghiera

 dal sito www.tumblr.com
Si sente dire che nel mondo, in mano ai capi dei Paesi più civilizzati della Terra,  ne siano pronte all’uso ben ventimila. Quante ne basta e ne avanza per ridurre in polvere la nostra Terra. Uno dei capi, dei Paesi più civilizzati della Terra, propone di ridurne il numero di un terzo e d’investire una marea di milioni di dollari per trasformare quelle ridotte di numero in “intelligenti”. Come se, di una bomba atomica in grado di uccidere decine di migliaia di persone in un amen e inquinare il territorio per centinaia di anni, si potesse dire che è stupida, cretina, non intelligente! Trasformare una bomba stupida in una intelligente significa costruire una bomba alla quale si può dire di andare a colpire il rag. Mario Rossi mentre fa pipì, alle tre ed un quarto, di domani l’altro, in un paesino remoto della Val di Susa: e quella ci va, alla tal ora, nel tal giorno. Se poi il Rossi, in quel momento, ha le dita nel naso … la cosa è tollerata. Poiché il buon Dio sembra, giustamente, ignorare alcune vicende terrene, a noi tutti parenti stretti del Rossi, non ci resta che pregare i capi dei Paesi più civilizzati della terra, di una cortesia. Cambiate nome a questi aggeggi! Non li chiamate più teste o testate, non definite più certi oggetti come intelligenti! Per non avvilire chi, per il momento può ancora usare la testa e l’intelligenza per tutt’altre cose. Magari per volersi bene. Grazie!