giovedì 3 aprile 2014

Galileo di John L. Heilbron

J. L. Heilbron, professore emerito di Storia nell'Università di Berkeley in California, ha scritto una biografia dettagliata sulla vita e l’opera di Galileo Galilei. 449 pagine pubblicate per la cura di Stefano Gattei; l’opera termina ponendo una domanda dal sapore sarcastico. Si chiede se sarà possibile che, entro i prossimi 400 anni, la Chiesa Cattolica, ignorando la propria arroganza, riconoscerà i doni divini di Galileo e riparando alle sue sofferenze, lo proclamerà  Santo!? Inoltre pare che si potrebbero riempire centinaia di teche con le reliquie, vere e false, di “san” Galileo!! Non credo che ciò avvenga, per quanto ci si sia incamminati sulla buona strada  con il papato di Giovanni Paolo II, che, chiedendogli perdono lo ha, a sua volta, perdonato. Non sappiamo se Galileo abbia fatto altrettanto, considerando che a lui, della cosa, oramai non importerà più un bel nulla, non soffrirà più né di quella umiliazione, né della gotta.
 A parte queste leggere considerazioni, mentre leggevo, rapito, questa ricostruzione della vita del Galilei, mi domandavo cosa, prima, avessi saputo realmente di questo incredibile personaggio. E non solo di lui, ma anche dei formidabili “comprimari” della sua vita. Uno per tutti, Paolo Sarpi. (Venezia 1552-1623) che nel periodo padovano frequentò Giordano Bruno e  più a lungo, lo stesso Galileo, fino ad essere  arrestato dal Sant’Uffizio, nel 1592, per aver sostenuto la inefficacia dello Spirito Santo. Accenno a questo personaggio perché Heilbron cita la meravigliosa risposta che il Sarpi dette al cardinale Bellarmino – uno straordinario stinco di santo - quando questi gli suggerì di continuare pure a guardare nel suo cannocchiale purché al di là della lente vedesse il Padre Eterno. Sarpi rispose al Bellarmino che tutt’al più vi avrebbe visto un piatto di tagliatelle!! La narrazione dell’Heilbron si muove su un piano strettamente scientifico ma, e con grande efficacia, traccia un diario minuzioso della vita e delle opere del Galilei, strenuo difensore della libertà e dell’indipendenza della ricerca. Da questa narrazione prende vita il ritratto di questo  straordinario umanista quale fu il pisano Galileo.
Proprio nel 1610, con appena sessanta pagine raccolte in un volumetto  dal titolo “Sidereus Nuncius”, Galileo rivelò le scoperte incredibili fatte con il suo cannocchiale, aprendo così la strada all'indagine scientifica e confermando, inequivocabilmente, la teoria copernicana. Un passo decisivo per l’umanità compiuto da un uomo che, per vivere la sua vita e quella dei suoi cari, affittava camere della sua casa agli studenti padovani, costruiva oggetti di misura, insegnava e firmava le sue diagnosi astrologiche ai cosiddetti potenti, definendosi “Devotissimo et Humilissimo servo et vassallo”. Come si apprende, pochi gli aprirono le porte delle case del potere e se qualche casa regnante lo fece, fu solo per misurarsi con altri potentati, e potenti ecclesiastici tra i quali si distinguevano persone come il Bellarmino. Quest’ultimo aveva attivamente preso parte al tribunale che condannò al rogo Giordano Bruno. La sua nomina alla santità o alla beatificazione fu decisa dal Vaticano, quasi 400 anni dopo, all'incirca negli anni del ‘930, per ritorsione contro l’allora governo italiano che aveva rifiutato l’ingiunzione di rimuovere dalla piazza di Campo de’ Fiori in Roma la statua di Giordano Bruno! (Bertrand Levergeois, “Giordano Bruno” Fazi Editore, 2013)
Pensiamo,  leggendo le pagine di questo avvincente saggio, contro quali forze  del male e dell’ignoranza fu costretto a lottare questo gigante dell’umanità, in mezzo alle normali tribolazioni della vita famigliare, gotta compresa!   
Ritengo  intelligente invitare alla lettura di questo determinante libro di  John L. Heilbron, dal titolo “Galileo. Scienziato e umanista” editato da Einaudi.